Amianto killer a due passi dal mare

La Guardia di finanza di Catania ha quantificato in oltre 500 tonnellate i rifiuti speciali e l’amianto ancora ammassati all’interno dell’ex cartiera «Keyes» su un’area di oltre 40 ettari. Un’autentica bomba ecologica a due passi dal mare e dall’oasi naturalistica di Marina di Cottone, nei pressi di Fiumefreddo in provincia di Catania. Tutta la zona era già stata posta sotto sequestro a fine gennaio ma ora la Guardia di Finanza ha mostrato le immagini di quel che ha trovato attorno all’ex cartiera «Keyes». Nel 1998 sempre nella stessa zona era stata sequestrata un’altra cartiera, la «Siace»: all’interno circa 1.500 tonnellate di amianto e rifiuti tossici. L’immobile successivamente venne acquistato dalla Provincia di Catania che avviò l’opera di bonifica, non del tutto completata.

DISSEQUESTRO CON VINCOLO - Ora interviene nuovamente la Procura di Catania con un singolare provvedimento. Da un lato ha infatti disposto il dissequestro dell’ex Siace, riconsegnata alla Provincia Regionale di Catania che viene però obbligata a completare la bonifica. Il tutto sotto il controllo della stessa Guardia di Finanza e dell’Arpa di Catania. «Il dissequestro -ha tenuto a precisare il procuratore Gianni Salvi- è finalizzato ad un obiettivo da raggiungere anche se molto è già stato fatto». Proseguono invece le indagini e gli esami del terreno circostante per valutare gli effetti provocati dall’altra cartiera, di proprietà di un privato in fallimento, che potrebbe aver inquinato anche le falde acquifere.

Fonte: Corriere della Sera

Tags: , , , , ,

Leave a Reply




Sostieni Pianeta Verde effettuando
una donazione di 1 €
con il tuo cellulare

BUY NOW!