Archive for March 4th, 2009

L’allarme dell’Independent: Nuove centrali più pericolose

Wednesday, March 4th, 2009

In caso di incidente, le centrali nucleari di nuova generazione sono più pericolose dei vecchi impianti che dovrebbero sostituire. A mettere in luce questo rischio è un’inchiesta del quotidiano britannico The Independent. Il giornale prende in esame i nuovi Epr (European pressurised reactors), i nuovi reattori che verranno costruiti in Gran Bretagna, ma anche in Italia, dopo l’accordo siglato oggi da Berlusconi e Sarkozy. Intanto, monta la protesta delle organizzazioni ambientaliste, da Greenpeace a Legambiente, contro il ritorno al nucleare. E le voci dissonanti si fanno sentire anche dall’opposizione, dal Pd a Prc, mentre i verdi si dicono “pronti a un referendum”.

La denuncia dell’Independent. Il quotidiano britannico cita alcuni documenti di natura industriale che provengono anche dalla azienda francese Edf, la stessa che ha appena sottoscritto un accordo con Enel. Studi che segnalano che il rischio di incidenti con queste nuove tecnologie è sì più basso, ma, nel caso avvenga una fuoriuscita di radiazioni, questa sarebbe più consistente e pericolosa che non in passato. Tra i documenti esaminati, “ce n’è uno secondo cui le perdite umane stimate potrebbero essere doppie”.

“Finora questo tipo di centrali è stato generalmente considerato meno pericoloso di quelli attualmente in funzione perché dotato di maggiori misure di sicurezza e in grado di produrre meno scorie - argomenta il quotidiano - ma le informazioni contenute nei documenti da noi consultati dimostrano che in effetti producono una quantità di isotopi radiattivi di gran lunga maggiore tra quelli definiti tecnicamente ‘frazioni di rilascio immediato’, proprio perché fuoriescono facilmente dopo un incidente”.


Proteste in Italia. Secondo Legambiente l’accordo firmato oggi è “pericoloso e miope”: “Tutti gli studi internazionali - afferma l’organizzazione - mostrano che il nucleare è la fonte energetica più costosa e rimane aperta la questione delle scorie e della sicurezza”. Greenpeace, invece, mette l’accento sul fatto che l’accordo è “a tutto vantaggio di Sarkozy, che sta cercando di tenere in piedi l’industria nucleare francese”, ma ”non offre all’Italia nessuna garanzia di maggiore indipendenza energetica - tecnologia e combustibile arrivano dall’estero - ed è anzi contro gli obiettivi europei di breve termine”.

Sulla stessa linea anche Ermete Realacci, Pd, secondo cui ”Sarkozy punta sui fondi pubblici italiani per sostenere l’industria nucleare francese” mentre in tempi di crisi sarebbe “meglio puntare sul risparmio energetico, sulle fonti rinnovabili”. Per il segretario di Rifondazione comunista, Paolo Ferrero, il ritorno al nucleare è “semplicemente una follia”.

L’esponente dei Verdi, Paolo Cento, avverte: “Siamo pronti a valutare tutte le azioni politiche e di lotta, compreso il referendum”. “D’altronde - ricorda Cento - proprio con un referendum, i cui effetti sono ancora validi dal punto di vista giuridico, il 62% degli italiani decise di far uscire l’Italia dal nucleare dopo la tragedia di Chernobyl”. “Il nostro premier ha firmato accordi con la Francia per la creazione di quattro centrali nucleari senza che il parlamento abbia ancora approvato le relative leggi”, osserva invece Fabio Evangelisti, vice presidente del gruppo dell’Idv alla Camera.

Fonte: La Repubblica

Dalle auto ibride alle foreste i falsi miti degli ambientalisti

Wednesday, March 4th, 2009

Per qualche ambientalista potrà avere lo stesso effetto che le celebri vignette danesi hanno scatenato tra i musulmani più intransigenti. L’Independent, quotidiano inglese di certo non sospettabile di antipatie ecologiste, ha pubblicato infatti uno speciale per smontare molti dogmi verdi. Le conclusioni sono tutto sommato opinabili e destinate a far discutere all’infinito, ma decisamente sorprendenti. Nel bene come nel male.

Nella prima categoria rientra ad esempio il giudizio sulla Cina, vista da molti ambientalisti (sempre meno in realtà), come il “Grande Satana” dell’inquinamento. In realtà, sottolinea l’inchiesta del giornale britannico, Pechino sta infilando una lunga serie di mosse positive ed è in pole position per diventare il vero leader della rivoluzione energetica verde. ”La Cina - scrive l’Independent - è sulla via per divenire un’economia a bassa produzione di CO2” e ormai le sue industrie non producono solo giocattoli e paccottaglia a basso prezzo, ma anche pannelli solari, turbine eoliche e batterie ricaricabili.

Nella seconda categoria, ovvero tra i miti “salvifici” che gli ambientalisti farebbero bene a mettere in soffitta, secondo il quotidiano c’è invece l’auto ibrida. Protagonista degli ultimi saloni motoristici internazionali e grande speranza di un’industria alla disperata ricerca di una via d’uscita verde dalla crisi, le vetture a doppia alimentazione benzina/elettricità per il giornale britannico possono inquinare in realtà più di un vecchio diesel. Tra i miti da dissacrare il giornale segnala anche la tutela delle antiche foreste. Non che siano dannose ovviamente, ma il loro contributo nella lotta al riscaldamento globale va drasticamente ridimensionato. Gli alberi vecchi, sostiene l’Independent in uno dei passaggi più discutibili dell’inchiesta, non assorbono infatti CO2 come quelli giovani e quando muoiono liberano tutta l’anidride carbonica che hanno utilizzato. Per questo - è la provocatoria tesi del giornale - meglio abbatterli e farci sedie, scrivanie, costruzioni, risparmiando in materiali chimici equivalenti. Purché naturalmente si proceda a sostituirli con alberi nuovi che nei primi 55 ani di vita assorbiranno il maggior quantitativo di anidride carbonica.


Altro dogma messo a dura prova dall’inchiesta è quello del “buy local”, ovvero della spesa a chilometri zero. Il conteggio delle emissioni prodotte per ogni chilo di alimenti, si sottolinea, non dipende infatti necessariamente dalla distanza rispetto a chi li consuma, ma dall’efficienza energetica con cui vengono prodotti e distribuiti. L’Independent sposa infine due soluzioni che per gli ambientalisti sono vere e proprie bestie nere: utilizzo degli ogm in agricoltura e ritorno al nucleare. I primi, afferma il giornale, possono dare un importante contributo nella lotta alla fame nel mondo, mentre l’energia dell’atomo produce solo il 5% delle emissioni di CO2 rispetto al gas e rappresenta una fonte alla quale non si può rinunciare.

Fonte : La Repubblica

Sostieni Pianeta Verde effettuando
una donazione di 1 €
con il tuo cellulare

BUY NOW!